Rubrica — LifeStyle

Collezione IED per Pitti Filati: tessuti tradizionali messicani vestono i dandy 2.0

La collezione creata da IED e Università Anáhuac México Norte in mostra in occasione di Pitti Filati


I tessuti tradizionali messicani reinterpretati in chiave contemporanea e cool: in occasione di Pitti Filati (Fortezza da Basso, 27-29 giugno 2018), la sede fiorentina di IED – Istituto Europeo di Design (via Bufalini 6r) ospita “Dandy Couture”, installazione di abiti realizzati dagli studenti internazionali di IED e Università Anáhuac México Norte rileggendo i filati tipici della regione di Oaxaca. Dal 28 giugno al 15 luglio in mostra gli outfit che richiamano il XIX secolo nello stile, il Messico nelle trame e nei colori e la contemporaneità nel gusto (opening 28/06 ore 17 con aperitivo dalle ore 18 a cura di Cousine Collectif, ingresso libero).

“Dandy Couture” nasce come progetto di cooperazione interuniversitaria tra IED (Dipartimento di Fashion Design delle sedi di Roma e Firenze) e Universidad de Anahuac (Dipartimento di Licenciatura en Moda, Innovación y Tendencia) con la collaborazione di RACU - Raíces Culturales e dei gruppi di artigiani di Oaxaca (Quiavini, Mujeres Unidas de Teotitlan del Valle, Seda Bienhi e Nytko Naňi), con il patrocinio dell’Ambasciata del Messico in Italia e del Consolato del Messico in Italia.

In occasione delle celebrazioni di Città del Messico come World Design Capital 2018, IED e Anàhuac hanno unito la loro pluriennale esperienza nel campo della design education e l'entusiasmo dei loro giovani talenti per dare vita a un progetto di moda, innovativo e socialmente sostenibile. Grazie anche alla collaborazione dei maestri tessitori della regione messicana di Oaxaca, dell'associazione RACU Raices Culturales e dei gruppi di artigiani da questa rappresentati, gli studenti di IED e Anàhuac si sono cimentati nella reinterpretazione dei tessuti tradizionali messicani, secondo il gusto dei consumatori contemporanei italiani, riallacciandosi anche al fascino e all’identità stilistica del Dandy.

“Un progetto – commenta Giovanni Ottonello, IED Art Director - che vuole mescolare mondi diversi: il tessuto messicano Oaxaca che nasce da sapienti mani, per trovare una identità dei villaggi in cui viene prodotto, lo sguardo di giovani designer e un tema che vede la sua nascita nel 1820. Eleganza, artigianalità, contaminazione, stravaganza, snobismo sono alcune parole che potrebbero essere usate per descrivere questa nuova sfida progettuale”. Ogni partecipante ha composto un mood in grado di spiegare la sua idea di Dandy Couture e una collezione composta da diversi outfit. Alla fine del percorso una commissione di docenti ha selezionato i due studenti italiani più meritevoli per volare in Messico per partecipare all’inaugurazione della mostra e per visitare il distretto tessile. Adesso tocca a uno studente messicano fare tappa in Italia per visitare Pitti Filati e l’esposizione del progetto. “Il tema dell’esplorazione non è solamente legato alla ricerca creativa e allo sviluppo progettuale, bensì diventa una tappa reale e fondamentale – aggiunge Andrea Tosi, IED International Academic Relations - che permette agli studenti di conoscere in prima persona quel mondo da loro indagato e reinterpretato”.

In programma anche una masterclass sui tessuti tradizionali e il loro utilizzo nel fashion design contemporaneo, con Blanche Helene Toffel Quiñones, coordinadora de la Escuela de Moda, Innovación y Tendencia de la Universidad Anáhuac México e di Giovanni Ottonello Art Director IED con un intervento di un rappresentante di RACU (giovedì 28 giugno alle ore 17). La mostra resterà visitabile nei giorni successivi in orario di apertura di IED (ingresso libero).   

Redazione Nove da Firenze