Coderdojo: il 50° sabato pomeriggio dal 2012 a Firenze

Oggi festa all'Impact Lab al termine del workshop gratuito per ragazzi e bambini


Il FabLab di Firenze è un esempio di innovazione fin dalla sua nascita, grazie all’approccio multidisciplinare che arricchisce la fruizione diretta tecnologie di ultima generazione. Per migliorare costantemente l’esperienza dei visitatori, il Fabrication Laboratory di Firenze oggi ha chiamato a raccolta cittadini e professionisti per proporre idee e soluzioni basate sulle Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione, con lo scopo di sperimentarle gratuitamente all'Impact Lab di Rifredi.

Il rinnovato consiglio direttivo del FabLab rilancia il progetto di sperimentazione delle tecnologie applicate nel formato Open, partendo dai contenuti e dagli strumenti già a disposizione da anni. All’interno del programma di FabLab fiore all'occhiello il workshop di Coderdojo, l’insegnamento dei linguaggi e delle tecniche di programmazione rivolto ai giovani e giovanissimi attraverso il gioco. Il club fiorentino di programmazione per ragazzi fa parte di un movimento internazionale che conta ormai più di 400 coderdojo in tutto il mondo. A Firenze è nato il più antico CoderDojo d'Italia, ora formalmente un progetto dell’Associazione “FabLab Firenze”.

Per la 50^ volta dalla sua nascita al workshop di oggi, organizzato all'Himpact Lab, hanno partecipato gratis (ma con prenotazione obbligatoria) ragazzi e bambini che hanno potuto svolgere un tutorial in italiano basato su Scratch 2.0, il progetto avviato dal gruppo Lifelong Kindergarten del MIT Media Lab di Boston, guidato da Mitchel Resnick e oggi diffuso in tutto il mondo. Un'esperienza particolarmente indicata per tutti i giovani che vogliono avvicinarsi al pensiero computazionale e sperimentare il proprio interesse per la programmazione software.

Nicola Novelli