Truffe, tra incidenti bollette e falsi tecnici: alcuni consigli

Un convegno su bollette e raggiri. Presente anche il comandante dell'Arma Ricciardi che ha insegnato alle persone a non cadere nei tranelli


Grande successo per il convegno organizzato dalla Adoc Alta Toscana ad Avenza, “Guida al consumatore” che ha insegnato ai cittadini a diventare utenti consapevoli, a muoversi fra bollette incomprensibili e a difendersi da truffe e contratti capestro. Presente il presidente nazionale dell'associazione, Roberto Tascini, quello dell'alta Toscana, Mauro Bartolini, e le referenti Anna Mura e Valentina Sparavelli. Importante la presenza e l'intervento del maresciallo dei carabinieri, Ricciardi, che ha portato alcuni esempio degli ultimi raggiri che hanno colpito i cittadini apuani e di cui si è dovuta occupare anche l'Arma nelle sue indagini: il finto avvocato che chiama per il figlio o il nipote nei guai, chiedendo agli anziani di aiutarlo con “tutti i soldi che ha in casa” o il finto idraulico che rivela un problema negli impianti che potrebbe “danneggiare oro e contanti”. Anna Mura si è invece occupata di informare gli utenti dei rischi finanziari, in particolare legati alla sottoscrizione di prestiti e prodotti di risparmio; essenziale anche il passaggio sulle carte di credito revolving, facili da ottenere ma con tassi di interesse altissimi. Valentina Sparavelli si è invece occupata delle vendite porta a porta e di spiegare il modo migliore per leggere le bollette, dell'acqua, del gas o della corrente, affrontando i principali problemi del settore: lo strumento migliore per difendersi resta quello delle conciliazioni paritetiche che consentono di risolvere le controversie senza aggravi per gli utenti. Gli incontri con la cittadinanza proseguiranno anche nelle prossime settimane.

Redazione Nove da Firenze