​Corsie protette da telecamere: Palazzo Vecchio ha un piano

La richiesta di corsie protette era stata avanzata dai dipendenti di Ataf quando l'azienda era partecipata del Comune


 Un piano che "renderà più fluida la viabilità del trasporto pubblico locale in città" e che suona familiare ai dipendenti del trasporto pubblico, in particolare agli autisti di Ataf che in tempi non sospetti, con la prima linea della Tramvia ancora da realizzare, chiedevano di monitorare i passaggi delle corsie preferenziali troppo spesso "invase" da veicoli di ogni tipo.
Sarebbe stato al tempo il modo di anticipare quei binari in sede protetta che avrebbero poi caratterizzato il trasporto pubblico su ferro.
 A dare battaglia sul tema, quando l'obiettivo sarebbe diventato a breve scongiurare la privatizzazione del tpl, c'erano i sindacati Cgil Cisl Uil, la Faisa Cisal ed i Cobas di Ataf, allora il trasporto dei bus era gestito dalla rete dei comuni della Provincia di Firenze ed i fiorentini non sapevano cosa fossero i cantieri stradali.

Un Question Time del Presidente della Commissione ambiente, vivibilità urbana e mobilità Fabrizio Ricci ha fatto chiarezza sulle porte telematiche esistenti ed in fase di installazione al quale ha risposto l'assessore alla mobilità Stefano Giorgetti. “Si tratta di un piano complessivo per installare telecamere a protezione di trenta corsie preferenziali” ha sottolineato l'assessore.

Il Piano. La protezione dei varchi, nel mese di luglio, verrà fatta nel viale Giannotti all'altezza di via Traversari e piazza Bartali. In viale Europa all'incrocio con via Svezia, all'altezza del civico 177 ed al confine comunale. Nel viale dei Mille, all'altezza di via Marconi, i lavori sono iniziati oggi mentre nel viale dei Mille all'altezza di via dei Sette Santi i lavori sono stati già realizzati. Sempre in questo mese nel viale Corsica all'altezza con via Circondaria, in via XXVII Aprile nell'intersezione con via San Zanobi verrà modificato il livello di protezione con telecamere nuove, le corsie protette in via Sestese sia al confine comunale che all'incrocio con via Crocetta sono già state realizzate, sarà rinnovato il varco in via Senese.
A breve in via Salutati sia all'altezza di piazza Gavinana che di via di Rusciano, già realizzati in via Ponte di Mezzo e in via Ponte alle Mosse.
In via Orsini i lavori inizieranno tra circa due settimane poi si procedere anche in via Masaccio, via Ficino, viale don Minzoni, in via dell'Olivuzzo è già stata installata la telecamera, via della Scala, in via degli Artisti è già stato realizzato il varco, da realizzare invece il varco in via degli Arazzieri, all'incrocio con via San Gallo mentre è nuovo quello tra via degli Arazzieri e piazza San Marco. Già installate le porte telematiche anche in piazza Puccini, uno nuovo, infine, in via Bolognese.

“Condivido il lavoro svolto dall'amministrazione perché l'istituzione di queste porte telematiche – conclude il presidente della Commissione ambiente, vivibilità urbana e mobilità Fabrizio Ricci – renderà più fluida la viabilità del trasporto pubblico locale in città”. 

Massimo Milli vice segretario Faisa Cisal "Ben vengano maggiori controlli sulle corsie preferenziali ed una maggiore attenzione nei confronti della sosta selvaggia. Non posso fare a meno di esprimere tutta la mia gratitudine in merito al lavoro svolto sino ad ora dall'Amministrazione Comunale, nell'ottica di un'ottimizzazione del servizio di trasporto pubblico. Confidando davvero, con l'entrata in funzione delle due nuove linee tramviarie, in un servizio pubblico più efficace e più soddisfacente, spero si vada concretamente nella direzione di disincentivare sempre più l'utilizzo del mezzo privato".

Redazione Nove da Firenze