Befane e presepi con tante sorprese per grandi e piccini

Re Magi e cammelli veri nelle piazze toscane


Arriva l'Epifania, che tutte le feste si porta via. Feste che sono state davvero ricche di soddisfazioni per tutti gli operatori turistici della Toscana. Tantissimi sono stati gli appassionati che hanno scelto le località della nostra regione per Natale o San Silvestro, o che hanno potuto approfittare anche nei primi giorni del 2018. Spiccano in questi ultimi giorni le iniziative legate all'arrivo della Befana, che farà la sua comparsa per regalare doni e dolciumi ai bimbi, accompagnata da fiaccole, piatti tipici o con le tradizionali Befanate. 

Anche domani, festa dell’Epifania, le aziende agricole lasciano le campagne per portare nel centro della città di Firenze le specialità locali con prodotti caratteristici del territorio. Dalle 8.00 alle 13.00, nel Piazzale del Re alle Cascine, si svolge il consueto mercato settimanale di Coldiretti Campagna-Amica. Come al solito tanti banchi per gli appassionati del 100% “made in” con ortaggi e frutta di stagione, marmellate, formaggi, pecorini, salumi, carne e trasformati, tutti rigorosamente a chilometro zero. Per tutti i presenti in omaggio una “calza” della Befana del tutto particolare con le consuete caramelle per i piccini e prodotti che regalano salute per i grandi. Nella “calza” targata Campagna Amica mandarini e noci con i consigli nutrizionali e suggerimenti per utilizzi originali. Il mandarino costituisce una buona fonte di vitamina C (26,7 mg per 100 gr) e minerali, quali calcio, potassio, magnesio, fosforo e sodio. Per questa ragione è particolarmente indicato nei mesi invernali per tenere lontani raffreddori e disturbi tipici del periodo, contribuendo inoltre a proteggere mucose e capillari. Le noci sono note dal punto di vista alimentare soprattutto per la loro ricchezza di sali minerali, come magnesio, potassio e calcio, oltre che come fonte di proteine vegetali. Sono anche una fonte di vitamine, tra cui spicca la vitamina E. Non dimentichiamo che le noci sono una fonte di acidi grassi omega 3, i grassi ‘buoni’ che contribuiscono ad abbassare il colesterolo LDL e al corretto funzionamento del nostro organismo Gli acidi grassi omega 3 ci proteggono dalle infiammazioni. Una occasione da non perdere per appendere una “calza” del tutto speciale e per mettere sulla tavola prodotti salubri e genuini.

Domani andrà in scena la rappresentazione del Presepe Vivente a San Miniato Basso (Pi). Nella piazza della chiesa, il villaggio si animerà dalle 15,30 con gli antichi mestieri, gli animali, l'arrivo di Giuseppe e Maria e la visita a Gesù nella capanna da parte dei Re Magi. Alle 18 nella chiesa per la prima volta andrà in scena "Un posto per l'Amore" un concerto-spettacolo dei Pueri Cantores di San Miniato e dei ragazzi del catechismo della parrocchia che affronta temi odierni, rivivendo la vicenda di Maria e Giuseppe che cercano posto dove poter alloggiare. Drammaturgia e regia di Diletta Landi, direttrice del coro Marta Corti, all'organo Paolo Bini.

Ad Arezzo i Carabinieri dei Reparti Biodiversità di Pieve santo Stefano e Pratovecchio visiteranno il Reparto pediatria dell’Ospedale San Donato, assieme alla unità cinofila del Nucleo Antiveleno del Reparto Parco Nazionale Foreste Casentinesi. L’iniziativa tende ad avvicinare alla biodiversità i bambini ricoverati e il personale degli ospedali. L’educazione ambientale è una mission propria dei Carabinieri Forestali, è un’attività diretta a prevenire condotte che mettano in pericolo l’ambiente e la salute. Le attività proposte ai bambini sono caratterizzate da grande impatto emozionale e tendono a generare una particolare empatia con la natura. Vengono svolte con successo da anni con migliaia di studenti in tutta Italia. Da oggi sarà possibile “vivere la natura” anche per quei bambini costretti a trascorrere parte della loro vita in strutture ospedaliere.

Sabato 6 gennaio alle ore 10.30 ultimo appuntamento con “Museo sotto l’albero” al Museo archeologico di Piombino. Dopo tombola, caccia al tesoro e gioco dell’oca arrivano i racconti e le storie della Befana, un appuntamento che torna al museo per il quarto anno consecutivo e che nasce dalla condivisione da parte della Parchi Val di Cornia del progetto nazionale “Nati per Leggere” promosso a Piombino dall’associazione dei Lettori Volontari Nati per Leggere Piombino e dalla Biblioteca Civica Falesiana. Il calore di una storia natalizia raccontata in un luogo magico come può essere una sala di un museo non ha uguali. Così la mattina del 6 gennaio la Befana aspetta grandi e piccini al Museo archeologico per passare un po’ di tempo tra storie e racconti inediti pensati appositamente per i nostri piccoli lettori.

Nel giorno dell’Epifania a Contignano i Re Magi si aggiungono al Presepe vivente, per l’ultima uscita della stagione (ore 16,30 – 18,30). Settanta comparse, in un borgo di trecentocinquanta anime, vivono intensamente questa celebrazione. L’atmosfera è particolarmente suggestiva: l’antico castello della Val d’Orcia si illumina di fiaccole e candele, con i paesani che indossano gli abiti di pastori, artigiani, uomini di cultura e contadini per mettere in scena tutti i mestieri dell’epoca della Natività. Si scoprono le varie scene passeggiando, tra lo stupore dei bambini e la possibilità di assaggiare prodotti locali e, magari, riscaldarsi bevendo un bicchiere di vin brulé.

Doppio appuntamento per l’Epifania, a Sarteano: nel pomeriggio è in programma un concerto vocale al teatro degli Arrischianti, dal titolo “la Befana viene cantando” e, a seguire, una grande tombola al palazzetto dello sport. Per il 6 gennaio (ore 17,30) gli Arrischianti ospitano il Gruppo vocale consonanti, diretto da Chiara Giorgi, per una serata nella quale il canto è punto di incontro tra le diverse culture e si traduce in una variegata carrellata di canti etnici e non solo, al ritmo dei tamburi e della body percussion (ingresso libero). Variegata anche la composizione del gruppo: giovani e meno giovani, italiani e non, tra i quali cinque ragazzi migranti provenienti dal Mali e dal Senegal. Quest’anno, durante il concerto, ci sarà anche uno spazio dedicato alle premiazioni per i migliori presepi realizzati in occasione dell'iniziativa "Borgo dei Presepi 2017”

Sull'Amiata, tradizionali “befanate”, canti e cori nei villaggi della montagnaIl 5 e 6 gennaio a Radicofani dalle ore 21.00, si aspetta la Befana insieme alla Banda Musicale e degustando vin brulè con biscotti, ciacce, ecc. Sempre il 5 e 6 gennaio a Saragiolo (Piancastagnaio), Bagnore, Bagnolo e Marroneto (S. Fiora) - Befanate: Il gruppi festosi di uomini vestiti in modo insolito percorrono le strade riproponendo il loro antico canto di questua. Ad Abbadia San Salvatore arrivano i Magi: nel pomeriggio "I Re Magi" partono dall'Abbazia e si recano in Santa Croce per l'offerta dei doni a Gesù Bambino. A Saragiolo Corteo dei Magi: Odalische, portatori, cavalli e numerose altre comparse sfilano per le vie del paese accompagnando i Magi nel piazzale della Chiesa dove è allestito il presepe vivente. 

Redazione Nove da Firenze