Teatro della Pergola, il M5S porta i documenti sui lavori in Procura

 “I lavori di somma urgenza potevano essere evitati, porteremo tutti i documenti in Procura” promette la capogruppo a Palazzo Vecchio


 “I lavori del Teatro della Pergola potevano essere fatti senza procedure di somma urgenza, come è emerso sia in Commissione che in Consiglio. La verifica sismica infatti – aggiunge la capogruppo del Movimento 5 Stelle Arianna Xekalos – si è conclusa a novembre, quindi poteva essere prevista direttamente nel Bilancio di previsione, approvato gli ultimi giorni di dicembre. Non solo, ma sono diverse poi le leggi dello Stato italiano che chiedono la verifica statica e sismica di questo tipo di edifici per il rilascio del certificato di agibilità. Un'altra, del 2003, che chiede che, entro 5 anni dalla sua approvazione, siano fatte le verifiche su tutte gli edifici strategici, compreso quindi questo teatro. Noi perché allora ne parliamo solo oggi, dopo 15 anni?

A chi ci dice che oggi agiamo in somma urgenza per salvaguardare la pubblica incolumità, noi rispondiamo che poteva essere salvaguardata nel rispetto dei procedimenti amministrativi e con previsioni di spesa inferiori. Per queste ragioni – conclude la capogruppo del Movimento 5 Stelle Arianna Xekalos – oggi abbiamo votato convintamente contro e presenteremo tutta la documentazione in nostro possesso alla Magistratura. La fortuna ha poi voluto, e che fortuna, che avessimo già un appalto in corso. Il Comune all’impresa che stava lavorando alle coperture, ha quindi chiesto in somma urgenza, di eseguire i primi interventi per mettere in sicurezza quella parte di copertura”. 

Redazione Nove da Firenze