Sarà il “caldo” ad influenzare l’avvio dei saldi

Si prospetta una buona partenza per quelli estivi in Toscana. Un nuovo spazio di 900 mq. con forti scontistiche a Calenzano. All'Omnia Center di Prato tanti premi in palio


Partono sabato 7 luglio i saldi estivi in tutta la regione, e proseguiranno per 60 giorni. Si prospetta una buona partenza per le vendite estive di fine stagione, numeri e tendenze positive soprattutto nelle città d’arte e lungo la zona costiera grazie alle presenze turistiche (sia italiane che straniere) e alle temperature elevate che spingono i consumi. Un inizio più “regolare” si preannuncia nei centri a minor impatto turistico. Sarà soprattutto l’ondata di “caldo africano”, arrivata in questi giorni in Toscana, ad influenzare in positivo l’avvio dei saldi; il meteo incerto delle ultime settimane ha profondamente influenzato le vendite, spingendo i consumatori ad acquistare pochissimi capi estivi e ad aspettare, così, l’inizio degli sconti. Abiti estivi, t-shirt, sandali e costumi tra gli articoli che dovrebbero andare sold out e per la maggiore fin dai primi momenti, grazie all’arrivo delle temperature tropicali.

Il sistema moda sta attraversando, ormai da un po’ di tempo, un momento di profonda trasformazione; il cambiamento degli stili di vita, la crescita di forme alternative al commercio tradizionale stanno influenzando profondamente l’andamento delle vendite e le abitudini dei consumatori. – afferma Nico Gronchi Presidente Confesercenti ToscanaIn ogni periodo dell’anno vengono proposte ai consumatori vendite promozionale dal Mid Season Sales al Black Friday; queste sono solo tra le ‘ultime trovate’ per tentare di accaparrarsi qualche cliente in più. Ma i numeri dell’intero sistema moda, sia per la piccola che media e grande distribuzione, cominciano a mostrare segnali di cedimento”. “Sconti tutto l’anno, ma sempre più virtuali; si parte da un prezzo iniziale, al quale nessun consumatore comprerà, per poi innescare una specie di gara di percentuali al ribasso diffusa in tutti i periodi dell’anno. – continua Gronchi Così facendo, perde di valore il vero significato dei saldi, delle vendite promozionali e straordinarie; ovvero i diversi momenti dell’anno in cui gli sconti venivano percepiti dagli acquirenti come qualcosa di reale e concreto”. Ed è proprio in virtù di questo che dobbiamo rivedere la normativa che regola i saldi di fine stagione; è necessario lavorare per una data di inizio uguale in tutta Italia e una durata limitata a 30 giorni. – afferma Nico Gronchi Presidente Confesercenti ToscanaSarà, poi, fondamentale una discussione su natura e modalità delle vendite promozionali: controlli più ferrei e maggiore trasparenza nei rapporti con l’utente finale risultano tra le esigenze più sentite. Durata limitata, chiarezza e trasparenza delle modalità di svolgimento sono i punti da cui partire per avviare un necessario percorso di cambiamento, che è nell’interesse di tutti: imprese e consumatori”.

Gli sconti di fine stagione prenderanno il via il prossimo 7 luglio ma in regione le vendite non decolleranno. Lo afferma il Codacons, che ha condotto il consueto monitoraggio sulla propensione alla spesa dei consumatori durante il periodo di saldi. Si registra anche in Toscana una generalizzata diffidenza da parte delle famiglie che inciderà sulla propensione all’acquisto – spiega l’associazione – Si prevede una buona affluenza nelle vie dello shopping e nei centri commerciali nei primi giorni di saldi, ma sul lungo periodo le vendite deluderanno le aspettative dei commercianti, nonostante quest’anno la percentuale media di sconto sarà più elevata rispetto al 2017.

"Oramai i saldi non sono più un appuntamento atteso dalle famiglie e hanno del tutto perso il loro valore - spiega il presidente Carlo Rienzi - Oggi infatti i consumatori, grazie all'e-commerce, possono trovare articoli scontati tutto l'anno, e per acquistarli non devono nemmeno uscire da casa, basta un clic sul PC o sullo smartphone. Anche per questo gli sconti di fine stagione non esercitano più alcun fascino sui cittadini e andrebbero del tutto aboliti".

Come ogni anno, infine, il Codacons mette in guardia i consumatori della regione da possibili fregature, e diffonde i consigli utili per fare acquisti in sicurezza durante i saldi:

1 Conservate sempre lo scontrino: non è vero che i capi in svendita non si possono cambiare. Il negoziante è obbligato a sostituire l’articolo difettoso anche se dichiara che i capi in saldo non si possono cambiare. Se il cambio non è possibile, ad es. perché il prodotto è finito, avete diritto alla restituzione dei soldi (non ad un buono). Avete due mesi di tempo, non 7 o 8 giorni, per denunciare il difetto.

2 Le vendite devono essere realmente di fine stagione: la merce posta in vendita sotto la voce “Saldo” deve essere l’avanzo di quella della stagione che sta finendo e non fondi di magazzino. State alla larga da quei negozi che avevano gli scaffali semivuoti poco prima dei saldi e che poi si sono magicamente riempiti dei più svariati articoli. È improbabile, per non dire impossibile, che a fine stagione il negozio sia provvisto, per ogni tipo di prodotto, di tutte le taglie e colori.

3. Girate. Nei giorni che precedono i saldi andate nei negozi a cercare quello che vi interessa, segnandovi il prezzo; potrete così verificare l’effettività dello sconto praticato ed andrete a colpo sicuro, evitando inutili code. Non fermatevi mai al primo negozio che propone sconti ma confrontate i prezzi con quelli esposti in altri esercizi. Eviterete di mangiarvi le mani. A volte basta qualche giro in più per evitare l’acquisto sbagliato o per trovare prezzi più bassi.

4 Consigli per gli acquisti. Cercate di avere le idee chiare sulle spese da fare prima di entrare in negozio: sarete meno influenzabili dal negoziante e correrete meno il rischio di tornare a casa colmi di cose, magari anche a buon prezzo, ma delle quali non avevate alcun bisogno e che non userete mai. Valutate la bontà dell’articolo guardando l’etichetta che descrive la composizione del capo d’abbigliamento (le fibre naturali ad esempio costano di più delle sintetiche). Pagare un prezzo alto non significa comprare un prodotto di qualità. Diffidate dei marchi molto simili a quelli noti.

5. Diffidate degli sconti superiori al 50%, spesso nascondono merce non proprio nuova, o prezzi vecchi falsi (si gonfia il prezzo vecchio così da aumentare la percentuale di sconto ed invogliare maggiormente all’acquisto). Un commerciante, salvo nell’Alta moda, non può avere, infatti, ricarichi così alti e dovrebbe vendere sottocosto.

6 Servitevi preferibilmente nei negozi di fiducia o acquistate merce della quale conoscete già il prezzo o la qualità in modo da poter valutare liberamente e autonomamente la convenienza dell’acquisto.

7 Negozi e vetrine. Non acquistate nei negozi che non espongono il cartellino che indica il vecchio prezzo, quello nuovo ed il valore percentuale dello sconto applicato. Il prezzo deve essere inoltre esposto in modo chiaro e ben leggibile. Controllate che fra la merce in saldo non ce ne sia di nuova a prezzo pieno. La merce in saldo deve essere separata in modo chiaro dalla “nuova”. Diffidate delle vetrine coperte da manifesti che non vi consentono di vedere la merce.

8 Prova dei capi: non c’è l’obbligo. È rimesso alla discrezionalità del negoziante. Il consiglio è di diffidare dei capi di abbigliamento che possono essere solo guardati.

9 Pagamenti. Nei negozi che espongono in vetrina l’adesivo della carta di credito o del bancomat, il commerciante è obbligato ad accettare queste forme di pagamento anche per i saldi, senza oneri aggiuntivi.

10 Fregature. Se pensate di avere preso una fregatura rivolgetevi al Codacons, oppure chiamate i vigili urbani.

Alla presenza delle Istituzioni Locali, Carrefour Italia ha inaugurato venerdì scorso a Calenzano (FI) il primo “Outlet”, formato inedito in Italia. Situato all’interno del Centro Commerciale Il Parco ed adiacente all’Ipermercato, con oltre 5.000 referenze ed un layout dedicato, l’Outlet si distribuisce su una superficie di oltre 900 mq e propone un’ampia scelta di prodotti non alimentari scontati, dal 30% al 80%, di tutte le categorie merceologiche, tra i settori del Bazar, del Tessile e dell’Elettronica. Per completare l’offerta, è stata creata in uno spazio adiacente, denominato “prezzi Shock”, un’area dedicata ai prodotti alimentari dove convenienza e qualità sono le parole d’ordine. Servizio, ampio assortimento ma soprattutto prezzi molto vantaggiosi, rappresentano dunque i pillar sui quali Carrefour vuole puntare con questo nuovo modello commerciale, offrendo ai propri clienti la possibilità di una shopping experience in grado di rispondere a logiche di promozione ed opportunità imperdibili. Il primo “Outlet” ad insegna Carrefour Italia, aperto tutti i giorni dalle 9:00 alle 21:00, ha come obiettivo principale quello di proporre uno spazio sempre più in linea con le esigenze del consumatore, ottimizzando altresì la distribuzione delle forniture di altri punti vendita della regione. Questo permette a Carrefour Italia di offrire una forte scontistica trasversale alle diverse categorie di prodotto, ma soprattutto proporre un impegno concreto verso la lotta agli sprechi, valore fondamentale per la strategia dell’intero Gruppo.

Il nuovo formato “Outlet” – commenta Stéphane Coum, Direttore Operations Carrefour Italia - rappresenta in maniera tangibile alcuni dei valori fondamentali per Carrefour, come la sostenibilità e la lotta agli sprechi. Questa nuova apertura è, inoltre, ulteriore testimonianza di come sia possibile e necessario ripensare la Grande Distribuzione in maniera nuova, proponendo soluzioni innovative che coinvolgano tutte le leve, come quella della competitività dei prezzi. Attraverso questo nuovo formato – continua Coum - perseguiamo quindi ulteriormente il nostro obiettivo di rispondere e anticipare le esigenze dei nostri clienti, sempre in costante evoluzione.”

Con l’Outlet, Carrefour Italia rinforza la propria presenza sul territorio toscano, investendo sulla città di Calenzano e riconfermando così la propria la volontà di esser punto di riferimento per l’intera comunità circostante, e non solo.

Torna il concorso “Più Omnia Più Vinci” all’Omnia Center di Prato: un format consolidato che vede da anni la partecipazione di migliaia di persone. L’evento prevede la possibilità di vincere subito oltre 300 buoni spesa e di partecipare all’estrazione finale con in palio una moto Yamaha MT 125 ABS, una Tessera per entrare gratis al Cinema Multiplex Giometti e un abbonamento per 3 mesi alla palestra Virgin Active. Dal 2 luglio al 16 settembre 2018, tutti i clienti che effettueranno un acquisto nelle attività dell’Omnia Center per un valore pari o superiore a 5 euro riceveranno, a seconda dell’importo speso, delle cartoline necessarie per partecipare al concorso allestito nella piazza interna del Centro. Il cliente, inserendo il codice stampato sulle cartoline in una delle due macchine installate ad hoc presenti in galleria, potrà vincere buoni acquisto dal valore di 5,00 e 10,00 euro spendibili fin da subito in tutte le attività commerciali del Centro ad esclusione del Villaggio Fitness Virgin Active, del Cinema Multiplex, dell’Agenzia Unipol Sai /Assidream e della sala Vit Enjoy de Game. Tutti i codici ,univoci e non ripetibili, presenti sulle cartoline potranno essere giocati anche online sul sito www.omnia-center.it entro il 16 settembre; entro il 30 ottobre saranno estratti i nominativi dei fortunati vincitori dei super premi messi in palio: una moto Yamaha MT 125 ABS colore blu, in collaborazione con Valentini Moto, una tessera per entrare gratis al Cinema Multiplex Giometti per un anno e un abbonamento per tre mesi per la palestra Virgin Open. L’evento accompagnerà per tutta l’estate i clienti dell’Omnia Center che potranno divertirsi, fare shopping e degustare prelibatezze nei tanti ristoranti presenti, scegliendo se sedersi all’aria aperta o all’interno, in ambiente climatizzato.

Redazione Nove da Firenze