Rubrica — Spettacolo

L'accademia musicale valdarnese mette al centro il pianoforte

Il primo "Valdarno Piano Festival" presenterà molti eventi dal 18 giugno al 15 agosto. Un esperimento multiculturale per avvicinare tutti alla musica


SUCCEDE A SAN GIOVANNI VALDARNO — Un Festival che vuole dare il giusto risalto ad uno strumento assai nobile: il pianoforte. Con  il primo "Valdarno Piano Festival" l'estate musicale toscana diviene prestigiosa grazie ai diversi eventi che andranno in scena da domani 18 giugno al 15 agosto.

Un esperimento multiculturale per avvicinare tutti alla musica che nasce dopo l'esperienza fatta con il  Festival di San Giovanni Valdarno e coinvolge i comuni valdarnesi in un'unità ideale musicale oltre che territoriale.

Entusiasmo da parte delle amministrazioni
comunali, raccontano gi organizzatori,  che, per la prima volta, hanno scelto di proiettare video e mettere, in coincidenza temporale, anche una mostra di pittura del pittore
Valter Malandrini dal titolo "Suoni Dimenticati" (la parte critica è affidata a  Lia Bronzi).

Si inizia domani, domenica 18 giugno a Bucine Chiesa di San Salvatore ore 17,30, con le Variazioni Goldberg di Bach:  al pianoforte il M. Andrea Turini peraltro direttore artistico del Festival. 

Un appuntamento da non perdere per rivivere, nelle note e nell'arte, un'intensa evoluzione di reali emozioni.

Spettacolo — rubrica a cura di Giuseppe Saponaro

Giuseppe Saponaro

Giuseppe Saponaro — Pugliese di origine e senese di adozione è giornalista pubblicista, operatore dell'informazione nel pubblico impiego e scrittore

E-mail: fiorentina@nove.firenze.it