Rubrica — L'Avvocato Risponde

Infiltrazioni nel garage: l'avv Visciola risponde sul risarcimento danni

Procedure di conciliazione brevi sono consigliate in casi simili


Gentilissimo avv. Roberto Visciola,

vorrei approfittare della sua cortesia per esporle il mio problema.Vivo in un condominio composto da vari appartamenti e garage. Oltre all'appartamento sono proprietario anche di un garage. Il mio garage da sempre ha avuto problemi di infiltrazioni di acqua che hanno causato muffe e distacco di intonaco. Ho recentemente chiesto all'amministratore di aprire un sinistro con l'assicurazione condominiale al fine di risolvere i problemi di infiltrazione.
Il perito dell'assicurazione ha risposto che i danni da me lamentati sono stati conseguenza di accumulo di acqua esterna, fattispecie esclusa dalle condizioni di assicurazione. Procedendo quindi alla ristrutturazione del garage a mie spese, durante la demolizione del pavimento e' emerso che è necessario realizzare un intercapedine e impermeabilizzazione per evitare che il problema si ripeta con notevole lievitazione dei costi.
Vorrei terminare i lavori evitando di fermare la ditta per attendere i tempi di una causa che stabilisca le responsabilità. Secondo lei ci sono i presupposti per chiedere al condominio il risarcimento dei danni causati dall'infiltrazione? Puo' indicarmi i passi da compiere per non trovarmi a lavori ultimati nell'impossibilita' di chiedere i danni al condominio?

Gentile Signore,
per rispondere correttamente al suo quesito, andrebbe valutato meglio quanto disposto dal contratto di assicurazione – dal momento che il perito della assicurazione escluderebbe l'operatività della copertura assicurativa in presenza di accumulo di acqua dall'esterno – e andrebbe valutata, altresì, la causa del danno, ovvero se derivante da vizi di costruzione o da incuria del titolare (valutando, ad esempio, la presenza o meno di analoghe infiltrazioni negli altri garage e/o verificando l'aerazione dei medesimi).
Da quanto mi riferisce, la causa effettiva del danno parrebbe derivare da vizi di costruzione dell'immobile, di cui si dovrebbe far carico il Condominio.
Se lei, tuttavia, procedesse autonomamente all'ultimazione dei lavori, in assenza di rassicurazioni dal Condominio, potrebbe non esser facile conseguire, in una fase successiva, il rimborso e rischierebbe di esser costretto a far causa al Condominio stesso per ottenerlo; tanto vale, pertanto, agire subito per una rapida definizione della questione.
A tal fine, esclusa l'opportunità di una causa ordinaria, le strade percorribili sono costituite da procedure brevi, quali la mediazione e, soprattutto, nel caso di specie, dalla consulenza tecnica preventiva con finalità conciliativa, di cui all'art. 696 bis c.p.c..
In quest'ultimo caso, sarà compito del CTU procedere all'individuazione della causa dell'infiltrazione e suggerire la modalità di composizione della lite, coinvolgendo eventualmente il Condominio alla partecipazione alle spese, o gravandolo interamente delle medesime.
Il suo legale di fiducia e il suo consulente di parte saranno in questa sede chiamati a sostenere le sue ragioni e ad “orientare” a suo vantaggio le decisioni del CTU.
Cordialmente,
Avv. Roberto Visciola

Per scrivere all'avvocato Visciola: nove@nove.firenze.it


Il servizio “Avvocato online” è progettato per trattare temi giuridici di interesse generale, non costituisce parere legale ed è gratuito. Le domande pervenute saranno selezionate dalla Redazione e i quesiti più significativi, opportunamente semplificati, verranno girati all’Avvocato che, compatibilmente ai suoi impegni professionali, risponderà direttamente sul sito Nove da Firenze. Per motivi di riservatezza non pubblicheremo l’indirizzo email del soggetto richiedente il parere.

L'Avvocato Risponde — rubrica a cura di Roberto Visciola

Roberto Visciola

Roberto Visciola — Avvocato in Firenze, laureato col massimo dei voti e lode, socio fondatore dell'Unione nazionale avvocati per la mediazione, è autore di libri e pubblicazioni con importanti case editrici e riviste di settore, quali Cedam, Italia Oggi, Giustizia Civile, Gazzetta Notarile, Nuova Giuridica, Nuova Rassegna e Altalex. Svolge attività di consulenza e assistenza giudiziale e stragiudiziale principalmente nei settori del diritto amministrativo e civile, prediligendo i sistemi di ADR, quali mediazione e negoziazione assistita.

E-mail: robertovisciola@gmail.com