Rubrica — Siena Calcio

Il Siena vince ed è ancora primo

La rete di Vassallo, nel primo tempo, regala il successo contro la Viterbese. La squadra di Mignani risponde alla grande alla vittoria del Livorno


In Tv Maria De Filippi commuove con “C’è posta per te”, a Roma si discute per la composizione del nuovo Governo mentre qui a Siena si sogna. Si chiama serie B e, forse, nella città del Palio, questa sera, appare un pochino più vicina. Livorno, nuovamente, superato. Bianconeri ancora primi.

Un Siena operaio suda, corre, graffia e vince contro una Viterbese ben organizzata ma che paga carissimo una distrazione del primo tempo: su azione di contropiede ecco il gol partita di Vassallo che, corre lungo tutto il campo, per risultare chirurgico dinnanzi a Iannarilli. Il suo rasoterra vale 3 punti preziosi.

12 gradi: serata fresca e umida quella del Franchi. Una pioggerellina sottile ha fatto solo il solletico al manto erboso che appare in perfette condizioni. La temperatura non ha scoraggiato più di 3 mila spettatori giunti per assistere a questo scontro al vertice: gioca la seconda contro la quarta della classifica.

Mister Mignani non concede sorprese. Sceglie il solito 4-3-1-2 con Guberti dietro Marotta e Santini. 4-4-2 equilibrato per gli ospiti. Arbitra il sig. Perotti di Legnano. Si inizia con un minuto di silenzio nel ricordo di Astori che proprio qui, al Franchi, esordì in serie A con la maglia del Cagliari. Emozione ed applausi.

Succede poco per i primi minuti. Al 16’ su un calcio d’angolo per gli ospiti, velocissimo ribaltamento di fronte per il Siena. La Viterbese è scoperta e Vassallo affonda come coltello nel burro: rasoterra impeccabile e Iannarilli è battuto. Vantaggio Robur. Al 34’ sale in cattedra Guberti che impegna a terra il portiere avversario. Primo squillo della Viterbese al 39’: l’estremo difensore bianconero è attento. Ancora ospiti vicini al pareggio con Peverelli che, dopo una discesa tutta corsa e grinta, trova Pane prontissimo a dirgli di no. L’occasione più ghiotta per il pari, in pieno recupero, capita a Vandeputte che non riesce a capitalizzare un rigore in movimento.

La seconda frazione è avara di emozioni. Tenta di scaldare l’ambiente il solito Guberti, al minuto 32, con un tiro maligno che si spegne di poco a lato. Al 90’ occasione con Marotta che, da posizione defilata, prova a graffiare: nulla di fatto. Dopo 3 minuti di recupero l’arbitro fischia la fine. Siena festeggia.

ROBUR SIENA: Pane, Rondanini, Sbraga, D’Ambrosio, Iapichino, Bulevardi, Gerli, Vassallo (22’st Damian), Guberti, Santini, Marotta. All. Mignani. A disp. Crisanto, Panariello, Dossena, Emmausso, Guerri, Mahrous, Cruciani, Cleur, Solini, Neglia, Brumat.

VITERBESE CASTRENSE: Iannarilli, Peverelli, Celiento, Rinaldi, De Sousa (20’st Cenciarelli), Vandeputte (8’st Bismark), Sini, Baldassin, Jefferson, Calderini, Di Paolantonio. All. Sottili. A disp. Pini, Micheli, Mendez, Mbaye, Zenuni, Sanè, Pandolfi, Atanasov, Benedetti, Mosti.

Arbitro: Pierantonio Perotti (Legnano). Assistenti: Daniele Marchi (Bologna) e Alessio Saccenti (Modena)

Marcatori: 16’pt Vassallo

Ammoniti: Rinaldi, Sbraga, Vassallo

Note: Note: 1859 abbonati, 1155 paganti (170 ospiti), 10470 euro incasso paganti (23878 euro compresa quota abbonati)

Siena Calcio — rubrica a cura di Giuseppe Saponaro

Giuseppe Saponaro

Giuseppe Saponaro — Pugliese di origine e senese di adozione è giornalista pubblicista, operatore dell'informazione nel pubblico impiego e scrittore

E-mail: fiorentina@nove.firenze.it