​Formazione: maratona creativa per comunicazione di musei e aziende

Coinvolti 140 studenti a fianco di Muse, I Gigli, Museo Marino Marini, Lucca Comics & Games e XCraft


Mus.e, I Gigli, Museo Marino Marini, Lucca Comics & Games e XCraft (Viarno): prende il via oggi la Special Week di IED – Istituto Europeo di Design di Firenze, una settimana di workshop, seminari, incontri tra studenti e grandi nomi del tessuto culturale ed economico regionale, dal 26 febbraio al 2 marzo.

Dalla campagna di comunicazione di Firenze dei Bambini per conto di Mus.e e del Comune di Firenze, allo studio di una shopping experience in grado di catturare l’attenzione della Generazione Z nell’ambito del Centro Commerciale I Gigli, fino al ripensamento di alcuni percorsi museali del Museo Marino Marini e a un progetto per la valorizzazione dell’alto artigianato toscano con la creazione di una capsule collection di accessori e possibili product extensions per XCraft (Viarno) e di uno stand 2.0 per Lucca Comics & Games in vista della partecipazione a un importante evento culturale italiano, sono 140 gli studenti di IED Firenze impegnati nella maratona creativa.

Un confronto tra studenti e aziende, ma anche una vera e propria preparazione al mondo del lavoro che coinvolge i ragazzi del primo e secondo anno dei corsi triennali di Interior Design, Fashion Design e Comunicazione pubblicitaria. La settimana prende il via con la presentazione dei progetti, mentre nei prossimi giorni gli studenti insieme ai docenti lavoreranno all’individuazione di nuovi concept. Gli elaborati finali saranno presentati venerdì 2 marzo nella sede di via Bufalini 6r, alla presenza di istituzioni e aziende coinvolte.

Ogni anno IED Firenze dedica due settimane, una a febbraio e una a maggio, a progetti speciali da realizzare con le aziende. I Progetti Speciali con le Aziende nascono grazie ad un working team di docenti e studenti IED basato su un avanzato modello di studio di consulenza, potenziato dalla forza creativa di giovani talenti provenienti da oltre 90 nazioni.  

Redazione Nove da Firenze