All’Ippodromo del Visarno torna il Palio degli esercizi storici fiorentini

Torna la seconda edizione del concorso ippico che coniuga sport, tradizione, cultura e solidarietà, con la novità di Via Lattea, la cavalla albina unico esemplare europeo del suo genere. Domenica 16 novembre a partire dalle ore 13.


FIRENZE - Torna, nell’ippodromo più antico d’Italia, il prestigioso appuntamento culturale e sportivo del Palio degli esercizi storici fiorentini, un evento coordinato con le realtà commerciali della tradizione storica fiorentina, una realtà che oltre a giovare all’economia (in un momento in cui la congiuntura è particolarmente delicata), costituiscono patrimonio indiscutibile della cultura locale, un tesoro di conoscenze tecniche e artistiche che è doveroso mantenere vive.

Un valido sostegno viene dall’Ippodromo del Visarno e dalla famiglia Mieli, che appunto organizza la seconda edizione del Palio, importante vetrina sportiva, ma anche culturale e commerciale; i circa quaranta esercizi presenti, infatti, avranno i loro stand all’interno dell’ippodromo, dove proporranno i loro prodotti al pubblico, mentre il settore ristorazione allestirà punti pranzo per degustazioni di prodotti della cucina toscana. Il Palio è organizzato in collaborazione dell’Associazione Esercizi Storici, e, visti il prestigio raggiunto già con la prima edizione, gode del patrocinio del Comune di Firenze e della Regione Toscana.

45 i purosangue in gara, ognuno dei quali sarà abbinato per sorteggio a un esercizio storico, con apposita cerimonia che si terrà venerdì 14 alle 20,30, all’ippodromo. 5 batteria di 9 cavalli ciascuna, i primi due delle quali accederanno alla finale. Al vincitore, oltre al drappo disegnato da Roberto Cavalli, andrà un Pinocchio in legno realizzato dalla ditta Cornici Maselli, vincitrice dell’edizione dello scorso anno.

Il Palio sarà anche la prima prestigiosa occasione ad utilizzare la nuova pista, completata nelle scorse settimane, che adesso vede il traguardo spostato sul lato finale della tribuna, questo perché si è adottata il senso di corsa a mano sinistra, come d’uso comune in quasi tutti gli ippodromi europei. Inoltre, è stato modificata la curva lato Firenze, attraverso il rialzamento del perimetro esterno della pista di circa 50 centimetri, e all’adozione di clotoidi per il raccordo con le diritture.

Sono infine allo studio progetti di ampliamento della foresteria e dell’impianto di illuminazione, cosa che permetterebbe di prolungare l’orario delle corse.

Ma ippica significa anche solidarietà: i due euro del biglietti degli uomini (donne e bambini entrano gratuitamente), saranno interamente devoluti alla onlus Milano 25, di Caterina Bellandi, ideatrice del taxi del sorriso, impegnato ad accompagnare gratuitamente bambini (e i loro genitori) presso le strutture sanitarie dove sosterranno esami o degenze. Un’iniziativa ammirevole, che in tanti anni è riuscita ad alleviare la sofferenza dei tanti, troppi bambini affetti da malattie incurabili.

A regalare un sorriso a questi bambini speciali, e a tutti gli altri, ci sarà Via Lattea, la cavallina albina della scuderia di Sergio Carfagna, unico esemplare del genere in Europa, e fra i tre soli cavalli albini nati negli ultimi cento anni. Figlia di Uguccione Jet e Melodias, ad appena 6 mesi Via Lattea non si ancora cimentata con le gare, ma potrebbe debuttarvi non appena l’età glielo consentirà. E ancora, dame e sbandieratori del Calcio Storico,e il menestrello Beltrando allieteranno il pubblico in quella che si preannuncia come una bella festa in nome dello sport e della solidarietà.