Rubrica — Fiorentina

Al Franchi arrivano i biancocelesti

Le parole di mister Pioli e del tecnico Simone Inzaghi alla vigilia di Fiorentina-Lazio


VIDEO — In classifica ci sono dieci punti di distanza, ma la sfida tra Fiorentina e Lazio parte alla pari. Merito dei viola, imbattuti da otto giornate e a porta inviolata da quattro turni. Un rendimento che ha permesso a Pioli di rientrare in corsa per l’Europa forse proprio grazie alla sfida con i biancocelesti, dopo l’uscita dall’Europa League ma ancora in lotta per il piazzamento Champions. Ultimo confronto l’1-0 per la Lazio in Coppa Italia a dicembre. La designazione arbitrale per la trentatreesima giornata di Serie A TIM ha assegnato la direzione della gara Fiorentina-Lazio al signor Antonio Damato della sezione di Barletta. 

“Abbiamo un modo di giocare che richiede un grande dispendio di energie fisiche e mentali -afferma Stefano Pioli in conferenza stampa alla vigilia della sfida contro la Lazio- È la nostra filosofia, sbagliamo se qualcuno esce dal campo con ancora qualcosa da dare. La squadra sta bene. Ho ancora due allenamenti a disposizione per valutare le condizioni dei ragazzi, qualcosa cambierò rispetto alla gara contro la Spal, non molto se le condizioni dei giocatori me lo permetteranno. Thereau non è disponibile domani, sta meglio ma ancora non si è allenato con la squadra. Tutte le partite sono degli esami, è il nostro lavoro. Quando non siamo troppo sotto pressione ne abbiamo uno a settimana, in questo periodo ne abbiamo uno ogni tre giorni. Quello di domani sarà un test importante e dovremo farci trovare preparati. Quando ci arrivi pronto hai anche la forza mentale e la positività per affrontare questo impegno. La Lazio ha giocatori molto forti, di qualità ed un’ottima organizzazione di gioco, negli ultimi anni ha sempre mantenuto posizioni di vertice. Da parte nostra servirà una grande prestazione. Da un po’ di tempo a questa parte creiamo molto di più di quello che concediamo, sono numeri positivi. I nostri giocatori offensivi devono essere i primi difensori se vogliamo fare delle gare in cui la palla sia più in nostro possesso rispetto ai nostri avversari. Abbiamo subito qualche gol da palla inattiva, ma non tantissimi. Qualcosa concediamo, ma con Dabo abbiamo acquistato centimetri. Sappiamo quanto la Lazio possa essere pericolosa su calcio da fermo, ma anche noi abbiamo le qualità per essere efficaci nelle azioni a favore. I biancocelesti sono la squadra che, in questa stagione, ci ha creato più difficoltà anche se le due sfide sono state abbastanza equilibrate. Hanno forza fisica, hanno presenza in campo, i numeri lo stanno dimostrando, credo che abbiano il miglior attacco del campionato, il capocannoniere, sono usciti in modo strano ed inaspettato dall’Europa League ma poi si sono ripresi subito facendo un ottimo derby, quindi ci aspetta un avversario forte. Dabo potrebbe essere una soluzione per arginare la forza della Lazio a centrocampo visto che i loro centrocampisti sono molto offensivi. Avere uno schermo davanti ai difensori, domani, potrebbe essere una buona soluzione. I miei due anni a Roma sono intensi sia in positivo sia in negativo ma parliamo di passato, io sono concentrato sul presente: la partita di domani e il nostro finale di stagione che ci può vedere ancora protagonisti. Non siamo più adatti a giocare contro un tipo d squadra rispetto ad un’altra. Abbiamo bisogno di giocare bene, di avere ritmo, stare bene in campo e domani tutte queste situazioni si dovranno vedere ad un livello altro. Inzaghi ha tanti meriti per queste due stagioni della Lazio. Hanno ottenuto risultati importanti, vincendo. Quando le cose vanno bene significa che l’allenatore ha messo del suo, Simone ha fatto e sta sicuramente facendo un ottimo lavoro”.

Non dobbiamo pensare alle sei partite che mancano, ma solo alla prossima: in questo momento la cosa fondamentale è offrire una buona prova a Firenze -dichiara alla vigilia di Fiorentina-Lazio, il tecnico biancoceleste Simone Inzaghi è intervenuto in conferenza dalla sala stampa del Centro Sportivo di Formello- Giocheremo contro una formazione che ha subìto un gol nelle ultime 7 sfide. La compagine viola è reduce da 5 vittorie ed un pareggio, vantano ottimi giocatori che hanno aiutato la squadra. Pioli lo conosco ed è molto preparato, ha dato una fisionomia alla sua formazione. Dovremo offrire una prestazione molto attenta. Ciro Immobile ha preso una brutta botta sul collo del piede e questa mattina ha lavorato in acqua: rientrerà tra i convocati, poi domani lo valuteremo. Abbiamo speso tanto, ma le energie si recuperano giocando mentre quelle mentali sono concentrate su un obiettivo importante che eliminerà eventuali scorie. Esclusi Patric e Radu, i miei uomini sono tutti convocati e dopo il risveglio muscolare sceglierò la squadra migliore in base anche ai recuperi. Senad Lulic si è allenato questa mattina, anche se ha speso tanto: domani dovrò valutarlo. Lukaku si è allenato con continuità ed ha disputato due spezzoni importanti di gara. Sceglierò domani quale calciatore utilizzare sul versante di sinistra. Luis Alberto e Felipe Anderson due giocatori di grandissima qualità: sono stati schierati insieme a Milinkovic ad Udine, mentre a Firenze dovrei rinunciare al numero 21 per far coesistere il brasiliano e lo spagnolo. Ho voluto fortemente Caceres perché può aiutarci tanto: ha avuto un problema fisico, ma è un ragazzo molto generoso che si è sempre allenato, anche se non era al massimo. È tornato a lavorare al meglio da circa 15 giorni e domani potrebbe tornare a giocare dall’inizio. Luiz Felipe è un giocatore che mi ha sorpreso: non pensavo fosse già così maturo. Ha sempre voglia di migliorarsi ed ha raccolto ciò che ha meritato. Wallace è stato determinante nella passata stagione, ma in questo momento ha avuto un problema fisico che lo ha limitato. Il brasiliano sta lavorando, ma non lo vedo al massimo: il numero 13 ha lavorato tanto per questa maglia, mi auguro possa tornare ad esprimersi al meglio. Bastos ha commesso degli errori ma si allena sempre al meglio provando a mettermi sempre in difficoltà: domani potrebbe giocare, ma vedremo se escluderò uno tra Luiz Felipe e de Vrij. Eccezion fatta per de Vrij e Radu, tutti i difensori sono a mia disposizione. Se Immobile non dovesse giocare titolare, ho Caicedo e Nani che si impegnano sempre al massimo: la scelta cadrebbe su uno dei due. Tale scelta la prenderò con molta serenità al termine del risveglio muscolare di domani. Immobile non ha problemi a correre, ma ha preso una botta sul collo del piede e potrebbe avere problemi nel calciare: abbiamo ancora 24 ore a nostra disposizione, domani sera vedremo come comportarci. Ad ogni modo, sono tranquillo perché ho tutta la rosa a disposizione”.

In occasione della partita Fiorentina–Lazio, i volontari dell’Associazione Tumori Toscana saranno allo stadio Artemio Franchi per raccogliere fondi destinati al servizio di Cure Domiciliari Oncologiche (C.D.O.) gratuite ai pazienti della Toscana. Per l’occasione a tutti i tifosi, a fronte di un’offerta libera, verranno distribuiti i Braccialetti Blu della Solidarietà, simbolo del sostegno ai malati e alle loro famiglie. ​

Redazione Nove da Firenze