Il Giardino di Boboli


Si estende sull’omonima collina tra Palazzo Pitti e Forte Belvedere, è uno dei più grandiosi e raffinati giardini in Italia, primo esempio e modello per i giardini principeschi delle corti europee.
Fu progettato nel 1550 da Niccolò Tribolo per volere di Cosimo I dei Medici e ampliato a più riprese nel corso dei secoli. L’attuale aspetto è il risultato di rifacimenti ottocenteschi, che evidenziano la divisione in due parti: il giardino all’italiana e un ampia zona in stile romantico "all’inglese".

Il giardino è uno straordinario museo a cielo aperto, dove si fondono armoniosamente elementi architettonici e gruppi scultorei che vanno dall’età classica all’arte contemporanea.
Le tappe più importanti della visita comprendono: l'Anfiteatro, la Vasca del Nettuno, il Giardino del Cavaliere, il Museo delle Porcellane, la Fontana dei Mostaccini, la Vasca dell’Isola, la Grotta del Buontalenti e la statua del Nano Morgante.
Orario d'apertura - In inverno: da martedi a domenica dalle 9,00 alle 16,30. In estate: da martedi a domenica dalle 9,00 alle 18,30.

Redazione Nove da Firenze